Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
C’è bisogno di equità fiscale
Sull’istituzione dell’imposta municipale sugli immobili, meglio conosciuta come la proposta di legge per la nuova IMU, si è tenuta l’audizione parlamentare odierna presso la VI Commissione Finanze. Fra i necessari pareri finora raccolti, anche la posizione della Rete Professioni Tecniche: insieme al Coordinatore Armando Zambrano erano presenti i Consiglieri Francesco Peduto e Maurizio Savoncelli


Una memoria sulla proposta di legge che accoglie gli approfondimenti elaborati dalla Rete Professioni Tecniche (QUI il documento). E’ la nota depositata dalla Rete Professioni Tecniche che ha impegnato un apposito gruppo di lavoro, coordinato dal Consigliere RPT Maurizio Savoncelli e da quest’ultimo direttamente esposta nel corso dell’audizione parlamentare.
 
I punti salienti individuati sono più d’uno e la loro portata ruota intorno al concetto dell’equità fiscale, con cui il relatore prelude alla richiesta di una indispensabile riforma catastale (QUI la registrazione: 1:35:48 fino al 1:45:24), come viene ampiamente argomentato nel suo intervento. “Nonostante i perfezionamenti condotti dall’Agenzia delle Entrate - un impegno lungamente profuso che ha portato all’allineamento finale delle posizioni che ha consentito di fatto l’esclusione di ogni discrasia fra gli identificativi particellari - l’impianto della proposta di legge AC. 1429 resta ancorato a una normativa del 1939. Come è notorio, inoltre, si parla di un Catasto dei Fabbricati statico e non dinamico, che ‘non sembra essersi accorto’ del declassamento del valore degli immobili registrato nel corso degli ultimi 10/12 anni, nè tantomeno ha preso nota del mutato contesto urbanistico delle periferie e dei centri storici. Si tratta di variazioni che, secondo la proposta di legge sono basate su una impostazione di partenza non attendibile, mentre alla luce della collaborazione in essere fra l’Agenzia delle Entrate con le categorie tecniche, questa potrebbe essere rapidamente mutata grazie a un aggiornamento delle rendite catastali, i cui dati ultimi risalgono finora al 1990”.


“Anche se sono escluse le prime case – conclude il relatore - colpire il patrimonio immobiliare nazionale con l’istituzione di un imposta così concepita - ha un riflesso negativo persino nel più complessivo processo di rigenerazione urbana, o meglio della riqualificazione e del recupero del patrimonio edilizio preesistente”.
 
QUI la galleria fotografica