Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok

VIGILANZA ISCRITTIVA 2018

Se hai ricevuto una comunicazione con il riferimento VIG2018 significa che dai controlli effettuati è emerso lo svolgimento di attività professionale che comporta l'obbligatoria iscrizione alla Cassa (art.5 dello Statuto).


Nel prospetto allegato alla lettera ricevuta sono evidenziati gli atti catastali (DOC.FA e PRE.GEO) e le pratiche edilizie compiutePer gli atti catastali troverai l’anno di riferimento, l’indicazione del numero di atti rilevati e l'Ufficio provinciale presso cui risulta registrato l'atto e al quale potrai rivolgerti per eventuali verifiche. Per le pratiche edilizie troverai l’anno di riferimento, il numero di protocollo, il codice catastale del Comune presso cui è stata registrata la pratica edilizia, il tipo di richiesta, il tipo di intervento e la qualifica del professionista.

Reddito professionale: qualora tu abbia dichiarato nel mod. Unico 2016 (anno di imposta 2015) un reddito professionale, troverai il relativo dettaglio nel corpo della lettera (non nel prospetto allegato) in cui è specificato l’importo del reddito e del volume d’affari ed il codice Ateco che lo contraddistingue.

N.B. I dati riportati nelle tabelle sono indicati così come ricevuti dall'Agenzia delle Entrate. I dati potrebbero essere successivamente integrati da parte dell'Agenzia delle Entrate o di altri enti. Il prospetto allegato alla comunicazione non include eventuali pratiche edilizie relative all'anno 2017. Qualora tu abbia compiuto attività professionale per anni successivi all’attuale indagine e non ancora censiti dalla Cassa è nel tuo interesse denunciarli.
L’iscrizione è disposta dal primo giorno dell’anno di compimento dell'atto professionale più vecchio (l’attività professionale si intende svolta per l’intero anno a prescindere dalla data di compimento dell’atto) oppure dall’1.1.2015 in caso di titolarità di reddito professionale.

Esempio 1: 1 pratica edilizia nel 2016: iscrizione dal 01.01.2016;
Esempio 2reddito professionale prodotto per l’anno 2015: iscrizione per il solo anno 2015;
Esempio 3: reddito professionale prodotto per l’anno 2015 e 1 Doc.fa nel 2017: iscrizione dall’1.1.2015.

In caso tu sia già stato sottoposto in passato ad una precedente attività di vigilanza (in qualunque forma: SIS/02, IAA/01, SIS/01, SIS-02/PE, NV2016, VIG2017, etc.) nel determinare la decorrenza dell’iscrizione si terrà conto anche delle risultanze delle precedenti attività svolte.

L’ISCRIZIONE È CONFERMATA ANCHE SE GLI ATTI SONO STATI COMPIUTI
  • a titolo PERSONALE e/o GRATUITO;
  • in favore di FAMILIARI, PARENTI, AMICI;
  • in NUMERO ESIGUO;
  • in nome e per conto del DATORE DI LAVORO nell’ambito di un rapporto di dipendenza PRIVATO.

Non è prevista alcuna tolleranza circa il compimento di atti professionali, quindi il compimento di 1 solo atto professionale (atto Sister o Pratica Edilizia) comporta l’obbligatoria iscrizione.

Potrai inviare eventuali richieste di chiarimenti o contestazioni entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione della Cassa attraverso il servizio online Vigilanza Iscrittiva 2018, disponibile nell'area riservata del sito web della Cassa Geometri. 

ATTI SISTER E PRATICHE EDILIZIE

Dipendenti privati
Se hai compiuto atti professionali (atti catastali e pratiche edilizie) nell'ambito di un rapporto di lavoro privato e per il datore di lavoro, sorge l’obbligo iscrittivo alla Cassa, in quanto ai fini dell’iscrizione obbligatoria è rilevante l’esercizio della professione e il dipendente privato ha gli stessi obblighi del libero professionista.

Dipendenti pubblici
Se hai compiuto atti professionali nell’ambito di un rapporto di dipendenza pubblica e su beni della Pubblica Amministrazione, devi farti rilasciare un’attestazione a firma del Dirigente che dichiari che l’attività che hai svolto è stata effettuata per l’Ente. L’attestazione dovrà riportare i dettagli dell’inquadramento contrattuale, i dati dell’Ente e l’indicazione degli atti compiuti per il datore di lavoro.

Esempio: nell'ipotesi in cui risultino compiuti 5 atti nell’anno 2017 dovrà essere indicato quanti di questi siano stati svolti per il datore di lavoro e quanti a titolo personale

Clicca qui per scaricare l’attestazione da far firmare al datore di lavoro.

L’attestazione dovrà essere inviata entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione della Cassa alla Cassa attraverso il servizio online Vigilanza Iscrittiva 2018, disponibile nell'area riservata del sito web della Cassa Geometri. Informazioni possono essere richieste all’indirizzo email iscrizioni@cassageometri.it oppure all'indirizzo di posta elettronica certificata iscrizioni.cipag@geopec.it, avendo cura di indicare nell’oggetto Vig2018 e il proprio numero di matricola.

All'attestazione dovrà essere allegato un documento di riconoscimento del firmatario in corso di validità. L'attestazione dovrà essere compilata in ogni sua parte in modo chiaro e leggibile. Il mancato invio dell’attestazione comporterà l’iscrizione obbligatoria per gli anni per i quali la stessa è stata richiesta.
Ferma la rilevanza penale di ogni dichiarazione non veritiera, in via del tutto eccezionale ti è consentito effettuare l’autocertificazione di non esercizio della professione per gli anni in cui non hai compiuto atti professionali, a condizione che tu non abbia svolto per il periodo indagato altra attività professionale.

Esempio: atti professionali solo nel 2017 e reddito professionale nel 2015: iscrizione dal 1.1.2015 con possibilità di autocertificare gli anni 2016 e 2018.


Clicca qui per scaricare l’autocertificazione.

L'autocertificazione dovrà essere inviata entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione della Cassa alla Cassa attraverso il servizio online Vigilanza Iscrittiva 2018, disponibile nell'area riservata del sito web della Cassa Geometri. Informazioni possono essere richieste all’indirizzo email iscrizioni@cassageometri.it oppure all'indirizzo di posta elettronica certificata iscrizioni.cipag@geopec.it, avendo cura di indicare nell’oggetto Vig2018 e il proprio numero di matricola. 

Dovrai allegare un documento di riconoscimento in corso di validità. L'autocertificazione dovrà essere compilata in ogni sua parte in modo chiaro e leggibile. L'autocertificazione potrà essere resa anche per l’anno 2018 sempre che non siano stati compiuti atti professionali. L'attestazione di mancato svolgimento di attività professionale dovrà tenere conto non solo delle pratiche edilizie e degli atti catastali, ma anche di ogni altro atto professionale compiuto.

In mancanza dell'autocertificazione l'iscrizione opererà per tutto il periodo.
Se hai compiuto atti professionali in costanza di iscrizione ad altra Cassa professionale tecnica (Inarcassa, Eppi, Epap ecc) dovrai inviare un certificato di iscrizione attraverso il servizio online Vigilanza Iscrittiva 2018, disponibile nell'area riservata del sito web della Cassa Geometri.

N.B Non è sufficiente inviare un certificato che attesti la sola iscrizione all’Albo professionale di un’altra Cassa Tecnica.
Se ti è stato segnalato che hai dichiarato nel mod. Unico 2016 un reddito professionale potrai fornire tutti i chiarimenti o chiedere delucidazioni entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione della Cassa attraverso il servizio online Vigilanza Iscrittiva 2018, disponibile nell'area riservata del sito web della Cassa Geometri. Ti ricordiamo che ai fini dell’iscrizione obbligatoria sono considerati redditi professionali anche quelli derivanti da attività aventi un codice Ateco diverso da quello dei geometri (71.12.30), purché riconducibili al perimetro delle competenze professionali e tecniche del geometra.

Clicca qui per visualizzare i codici Ateco riconducibili all’attività di geometra.

N.B In caso di errore commesso nella compilazione della dichiarazione fiscale, lo stesso potrà essere corretto presentando una dichiarazione integrativa di UnicoPF all’Agenzia delle Entrate.
Potrai regolarizzare la posizione contributiva accedendo all’area riservata del sito www.cassageometri.it ed utilizzando la funzione Portale dei Pagamenti.

Se hai smarrito le credenziali di accesso clicca qui.

In caso tu abbia presentato una contestazione, prima di regolarizzare dovrai attendere l’esito della stessa da parte degli uffici che ti comunicheranno anche le modalità ed i tempi per sanare il dovuto.

La contribuzione dovuta potrà essere regolarizzata anche in forma rateizzata con relativi interessi e sanzioni per tardivo pagamento nella misura agevolata del 10%. Non sono applicate le sanzioni per violazione degli obblighi di comunicazione.