Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok

Le guide › Le prestazioni previdenziali

PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA - ART. 33 COMMA 1, REG. PREV.


La pensione di vecchiaia contributiva è il trattamento che viene riconosciuto quando, al momento del compimento dei 67 anni di età, l'iscritto non abbia raggiunto l'anzianità contributiva minima prevista per l'ottenimento della pensione di vecchiaia retributiva.

 

REQUISITI

  • 67 anni di età
  
  • 20 anni di anzianità contributiva minima
  • l'ammontare della pensione non deve essere inferiore ad 1,5 volte l'importo dell'assegno sociale Inps annualmente rivalutato.

 

Ovvero al compimento di 70 anni di età con almeno 5 anni di anzianità contributiva.

 

DECORRENZA:

Dal 1° giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.


MODALITÀ DI CALCOLO:

La pensione è determinata secondo il sistema di calcolo contributivo previsto dall'art. 1 della legge 8.8.1995, n. 335 (cfr. sistema calcolo contributivo). La pensione contributiva non viene integrata al trattamento minimo.

La pensione è reversibile ai superstiti.

SUPPLEMENTI:

I  pensionati che continuano nell'esercizio della professione percepiscono un supplemento di pensione con cadenza quadriennale  oppure al momento della cancellazione  o in caso di  decesso, calcolato con il sistema contributivo (cfr. sistema di calcolo contributivo).