Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok

Le guide › Le prestazioni previdenziali

IL SISTEMA DI CALCOLO RETRIBUTIVO


Il  calcolo pensionistico retributivo è attualmente commisurato alla media dei più elevati 30 redditi professionali degli ultimi 35 dichiarati ai fini IRPEF nell'arco contributivo di riferimento, rivalutati secondo gli indici ISTAT* (fino al 1997 la media è effettuata sui più elevati 10 redditi professionali  degli ultimi 15 anni dal  1998 al 2014 la media è effettuata sui più elevati 25 rediti professionali degli ultimoi 30 anni). La media ottenuta viene moltiplicata per l'aliquota di rendimento per ogni scaglione di reddito corrispondente (a partire da 1,75%) e quindi per l'anzianità contributiva maturata. Attualmente il calcolo è una sintesi di cinque pro rata introdotti dalle diverse normative succedutesi nel tempo, con  le quali sono stati modificati l'arco dei redditi presi a riferimento per il  calcolo della media reddituale, gli scaglioni di reddito e le aliquote di rendimento. Ai fini del calcolo retributivo vengono presi in considerazione solo i redditi al di sotto del tetto massimo stabilito ogni anno con delibera consiliare (cfr. tabella contributi)

 

Normativa in vigore sino al 31.12.97    Normativa in vigore dal 1.1.98 al 31.12.2002

Primo calcolo in pro rata

(calcolo A)

 

Secondo calcolo in pro rata

(calcolo B)


 
2%   sino a 48.850   2%   sino a 21.950
1,71% da 48.851 sino a 73.150   1,75% da 21.951 sino a 48.850
1,43% da 73.151 sino a 85.500   1,50% da 48.851 sino a 73.150
1,14% da 85.501 sino a 97.550   1,10% da 73.151 sino a 85.500
        0,70% da 85.501 sino a 97.550
         
             
Normativa in vigore dal 1.1.2003 al 31.12.2006
  Normativa in vigore dal 1.1.2007

Terzo calcolo in pro rata

(calcolo C)

 

Quarto calcolo in pro rata

(calcolo D ed E)


 
1,75%   sino a 48.850   1,75%   sino a 11.750
1,50% da 48.851 sino a 73.150   1,50% da 11.751 sino a 35.250
1,10% da 73.151 sino a 85.500   1,20% da 35.251 sino a 70.450
0,70% da 85.501 sino a 97.550   0,90% da 70.451 sino a 93.950
        0,60% da 93.951 sino a 117.450
        0,30% da 117.451 sino a 152.650

 

La misura della pensione retributiva non può comunque essere inferiore all'importo minimo rivalutato anno per anno.

PENSIONE MINIMA

IMPORTI

2007€ 7.347,92
2008€ 7.494,88
2009€ 7.623,79
2010€ 7.870,04
2011€ 7.929,07
2012€ 8.051,97
2013€ 8.300,00
2014€ 8.500,00
2015 € 8.600,00
2016
€ 8.650,00
2017
 € 8.650,00
 2018 € 8.650,00

 * Importo stabilito dal Consiglio di Amministrazione in data 4/10/2017 con delibera n°130,  approvata da parte dei Ministeri vigilanti in data 24/01/2018.

Dal 1.1.2009 le annualità eccedenti la quarantesima vengono calcolate con il sistema contributivo.

Dal 1.1.2009 il calcolo in pro rata in vigore fino al 31.12.1997 si applica solo per i redditi professionali dichiarati fino al 31.12.2008 (primo calcolo in pro rata).

Dal 2013 è prevista la riduzione dal 100% al 75% della percentuale di rivalutazione dei redditi ai fini della media per il calcolo reddituale, che verrà applicata nel rispetto del principio del pro rata.

*Dal 2013 per le lavoratrici madri è prevista una agevolazione nel calcolo pensionistico e cioè la riduzione di due annualità per ogni figlio fino al limite di 25 anni sul numero dei più elevati redditi da utilizzare per il calcolo della media reddituale.